Archivio

Archivio Aprile 2017

Giardini estensi

28 Aprile 2017 Commenti chiusi

Giardini Estensi

29, 30 aprile e 1° maggio 2017

Piazza Castello, Largo Castello, Giardini di Viale Cavour, Piazza della Repubblica, Piazza Savonarola
L’eccellenza italiana dei produttori di piante rare e dei manufatti artigianali di qualità. Eventi e workshop sulla sostenibilità ambientale.
Programma
 

SABATO

- Sabato 29 aprile ore 10 – Sala Alfonso Castello Estense
Conferenza a cura di Paola Roncarati – Garden Club Ferrara
Allestimento floreale a cura del Garden Club Ferrara
- Sabato 29 aprile dalle ore 10 alle 12.30 – Camerino delle Duchesse, presso la residenza municipale, Giuliana Bèrengan terrà una straordinaria performance recitativa all’interno del prezioso Camerino ad ingresso libero, ma con un massimo di sette partecipanti per volta.
Giuliana Berengan ospiterà i presenti con un verbodramma odoroso per fiori solisti intitolato:”Bei fior d’Amore” con: “Inno alla Rosa” “Omaggio al Tulipano” e “La divina Peonia”
- Sabato 29 aprile ore 15 – Sala Alfonso Castello Estense
“Orchidee dipinte, 2000 anni di storia e arte”a cura di Alberto Grossi
- Sabato 29 aprile ore 16,30 – Sala Alfonso Castello Estense:
conferenza: I fiori della Passione: le forme ed i colori di un genere affascinante
Sabato 29 aprile dalle 10.30 alle 17.30 Ferrara Urban Shooting
cura di Patrizia Boari e Nicola Maccagnani, fotografi e modelle con la stilista Claudia Desertitrucco Mua,Katia Nanni ed Alessia Gottoli.
DOMENICA
- Domenica 30 aprile ore 10 – Sala Alfonso Castello Estense
“C’è gente in giardino” ed. Pendragon Incontro con Carlo Pagani, maestro giardiniere e Mimma Pallavicini, giornalista e scrittrice
- Domenica 30 aprile ore 11,30 – Sala Alfonso Castello Estense
presentazione del libro “Estratti di frutta e verdura per le 4 stagioni” di Marco Dalboni Biobarman
- Domenica 30 aprile ore 15,00 – Sala Alfonso Castello Estense
“Piante edibili, Piante incredibili” di P.Gullino
- Domenica 30 aprile ore 16,30 – Sala Alfonso Castello Estense
“Le erbe delle streghe: antica medicina popolare, realtà sospesa” di Carlo Signorini.
Domenica 30 aprile alle ore 17.00 Piazza Repubblica
(Hotel degli Insetti) di Paolo Tosco Parlamento: merenda consapevole a cura di Mimma Pallavicini
LUNEDI’
- Lunedì 1° maggio ore 16,30 – Sala Alfonso Castello Estense
“I fili invisibili della natura’ Ed.Lapis Gianumberto Accinelli – Gruppo Eugea
Sabato 29 aprile, domenica 30 aprile, lunedì 1° maggio:
Stand dell’Associazione A.Di.P.A. Sez. Emilia Romagna: mostra amatoriale di piante e scambio di semi
Stand Eugea – Si produzione, didattica e divulgazione
Stand Piante Innovative – Natura maestra di auto produzione e rimedi per la cura del suolo
Stand Rino Mariani, dimostrazione di intreccio con vimini, salice e sanguinello
Stand (Hotel degli Insetti) di Paolo Tosco Parlamento didattica con materiali riciclati per la costruzione dell’Hotel per Insetti.
Visite Guidate
- Lunedì 1° maggio due appuntamenti alle ore 10 e alle ore 15: ritrovo in Piazza Castello visita guidata ad alcuni stands di vivaisti a cura di Mimma Pallavicini.
Partecipazione gratuita
- Sabato 29 aprile, domenica 30 aprile, lunedì 1° maggio
a cura di Guide Estensi di Ferrara
Visite guidate alla città ed ai giardini storici di Ferrara.
- 30 aprile e 1° maggio tour in bicicletta parchi, orti e giardini.
Possibilità di noleggio biciclette. Partenza ore 10,30 e 15,30
Non è necessaria la prenotazione. Punto d’incontro, 15 minuti prima della partenza, presso Ferrara Store Piazza Repubblica.
Durata dell’itinerario circa 2 ore. Costo euro 10 a persona (gratuito under 18) inclusa degustazione
Per informazioni: tel. 0532 769398 info@guideestensi.it
+39 339 3438284 - +39 338 2954013

Info: Tel/Fax 0532 1862076; 346 5200503.

info@giardiniestensi.it

 

Url dell’evento
http://www.giardiniestensi.it
Orari
Dalle ore 8:30 al tramonto

Ingresso
Ingresso libero.

Categorie:Curiosità Tag:

Musei civici Modena

28 Aprile 2017 Commenti chiusi

Ponte del 1 maggio con Musei Civici e Gipsoteca Graziosi

Sabato 29, domenica 30 aprile e lunedì 1 maggio saranno aperti i Musei Civici negli orari 10-13 e 16-19 e la Gipsoteca “Giuseppe Graziosi” dalle 16 alle 19 grazie alla collaborazione degli Amici dei Musei e dei Monumenti modenesi.

Ingresso libero e gratuito

Domenica 30 aprile alle ore 16.30 lo storico Giorgio Pancaldi dedicherà un approfondimento al modello per il Monumento equestre a Benito Mussolini eseguito nel 1929 da Giuseppe Graziosi per il Littoriale di Bologna, distrutto a partire dal 1943.

Un colossale monumento equestre per l’esaltazione del fondatore del fascismo, alto cinque metri e lungo quasi sei, posto davanti all’arco della “Torre di Maratona” allo stadio “Littoriale” di Bologna, per enfatizzarlo scenicamente e renderne immortale il messaggio ideologico. Giuseppe Graziosi in maniera potente tradusse quell’ “immagine di volontà” che il volto di Benito Mussolini, ritratto dal vivo, gli trasmetteva. Col bronzo ricavato da cannoni sottratti agli austriaci nel 1848, la statua venne fusa in Toscana e trasportata faticosamente a Bologna. Alla presenza dell’autore, fu quindi trascinata su di un piano inclinato posto sulle gradinate dello stadio e collocata, con l’aiuto di carrucole e argani, su di un piedistallo ad un’altezza di oltre dieci metri rispetto alla base della torre.

Con la destituzione di Mussolini, il 25 luglio 1943, la popolazione ne iniziò il saccheggio: prima la rimozione del busto, poi la testa del dittatore trascinata per le vie di Bologna. Dell’opera rimase il “cavallo in corsa, con le gambe del cavaliere attaccate ai fianchi… uno spettacolo grottesco e macabro” a cui si pose fine nel 1947 quando, una volta fuso, lo scultore Luciano Minguzzi ne ricavò il “Monumento al Partigiano e alla Partigiana”, oggi a Porta Lame.

Fino al 21 maggio, Musei Civici

sarà possibile ammirare una selezione di chitarre antiche della collezione del liutaio e restauratore modenese Lorenzo Frignani.

Gli strumenti di fabbricazione italiana esposti, in molti casi pezzi unici, testimoniano l’evoluzione tecnica della chitarra dall’epoca barocca ai giorni nostri e sono impreziositi da elementi decorativi.

Fino al 4 giugno,  Sala Crespellani

Continua la mostra “Corrispondenze. Gli studenti di Fondazione Fotografia incontrano i Musei Civici.”

In esposizione gli scatti ispirati alle raccolte museali realizzati sotto la guida del fotografo Mario Cresci dai giovani autori Giulia Di Michele, Silvia Gelli, Prisca Magnani, Alice Mazzarella, Milena Nicolosi, Francesco Paglia, Alessandro Partexano, Federika Ponnetti, Clelia Rainone, Michela Ronco, Yulia Tikhomirova, Sara Vighi, Viviana Vitale. Mario Cresci ha scelto i Musei Civici di Modena ritenendoli un “luogo di grande fascino”, in grado di rappresentare “un ponte di attraversamento temporale per un’arte, la Fotografia, che, pur essendo un medium ancora giovane, ha bisogno di contaminazioni e confronti”.

Il progetto sui Musei Civici si è svolto durante il primo semestre del 2015, in occasione del corso che Cresci tiene da alcuni anni per gli studenti di via Giardini.

 

 

Info

Musei Civici, Largo Porta S. Agostino 337 – 41121 Modena

tel. 059 203 3101 – fax 059 203 3125

www.museicivici.modena.it

musei.civici@comune.modena.it

FB e Instagram: museicivicimodena

Da martedì a venerdì: dalle 9 alle 12; sabato, domenica e festivi: dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19

Salva

Categorie:Città del mondo Tag:

Inaugura la fiera di Finale

21 Aprile 2017 1 commento

Giornata di inaugurazioni a Finale Emilia. Oggi, venerdì 21 aprile, è prevista, alle ore 20.30, in piazza Verdi, l’apertura della 155aedizione della Fiera Campionaria, ma i vernissage cominceranno già nel pomeriggio: alle ore 16.30 ci sarà il taglio del nastro per la personale del pittore finalese Giuseppe Cavallari, “Final e la nev” (ospitata nell’ex centro per l’impiego di Corso Cavour 4 e visitabile fino al 14 maggio). Alle ore 18.00 toccherà invece alla mostra “Quando il vinile diventa leggenda” (allestita nei locali ex Geovest di piazza Verdi 6 fino al 1° maggio), una interessante rassegna curata da Giovanni Ansaloni e Massimo Rivaroli che racconta la storia della musica attraverso le copertine dei dischi. Lo spettacolo della giornata inaugurale della Fiera, in programma alle ore 21, in piazza Verdi, è organizzato dalla Scuola di Musica di Finale Emilia e, in qualche modo, si lega – per il tema affrontato – all’esposizione dei vinili: “Rock in Progress. Storia ed evoluzione della musica dagli anni 60 a oggi”.

Sabato 22 aprile, alle ore 10.30, toccherà invece alla neonata associazione Millennium Finalis e alla nuova pubblicazione curata dal Comune di Finale Emilia, essere presentate nella sala consigliare di via della Rinascita 6. “Archivi Finalesi”, questo il titolo della rivista, verrà offerta esclusivamente a chi sottoscriverà l’adesione a Millennium Finalis, associazione che nasce per operare a supporto della Biblioteca Pederiali e dei musei civici finalesi.

LEGGI ANCHE LA MOSTRA SUI VINILI FA LA STORIA DELLA MUSICA

Ancora musica nella serata di sabato, con il rock progressive a farla da padrone: alle ore 21.00 sarà l’Accademia dei Fluttuanti, gruppo finalese di esperti e validi performer, poi sarà lo storico gruppo delle Orme che, a partire dalle ore 22.00, proporrà il proprio repertorio.

Nel pomeriggio di sabato, invece, sfilata dei Tamburini del Finale, degli armati e delle dame della Corte Estense che presenteranno l’edizione 2017 di Finalestense (9-10-11 giugno) e, alle ore 17.00, in corso Cavour, esibizione di ballo a cura della Dance Style Club.

Fai clic qui per vedere lo slideshow.

Domenica 23 aprile alle ore 17.30 sulla scalinata dell’ex Acquedotto è in programma la cerimonia di consegna alla cittadinanza della scultura in rilievo realizzata dall’artista modenese Dante Zamboni, restaurata grazie al Lions Club Finale Emilia, mentre alle ore 21.00 in piazza Verdi andranno in scena suoni e immagini con lo spettacolo “La musica e il cinema italiano 2° noi…”, realizzato dalla Filarmonica G. Andreoli di Mirandola in collaborazione con il Circolo Cinematografico I. Pacchioni e le compagnie teatrali “Quelli delle Roncole 2”, “Il Borghetto” e “Fata Morgana”.

LEGGI ANCHE: PRONTI A GUSTARE LO STREET FOOD

Lunedì 24 aprile, a partire dalle ore 21.00, piazza Verdi ospiterà il DJ set di Robby Rubini, mentre lo spettacolo di chiusura della Fiera,martedì 25, sarà a cura di Avis Finale Emilia con i comici Franz e Nico, Duo Torri, Corrado Boldi e Bomi Trio che si alterneranno sul palco della piazza cittadina a partire dalle ore 21.00.

In precedenza, alle ore 16.30, riconoscimenti per il Ju Jitsu finalese protagonista ai recenti mondiali giovani di Atene e, alle ore 17.30, saggio delle allieve della Scuola di danza Tersicore.

Naturalmente le giornate di fiera saranno arricchite dalla presenza degli stand commerciali collocati nelle aree espositive, del luna park in piazza Garibaldi, delle associazioni finalesi, con le loro proposte gastronomiche e promozionali, in piazza Baccarini e corso Matteotti, dei mercatini dell’ingegno e dell’hobbistica (sabato 22, domenica 23 e martedì 25). All’interno della fiera campionaria, infine, è prevista quest’anno anche un’area interamente dedicata allo street food che proporrà cibi e specialità gastronomiche di diverse regioni.

 

The post Inaugura a Finale Emilia la Fiera di Aprile appeared first on SulPanaro | News.

Categorie:Feste e viaggi Tag:

In cammino per giardini e labirinti

18 Aprile 2017 Commenti chiusi

Una giornata di conferenze con visita del labirinto di Palazzo Costabili

  • 19 aprile 2017

  • Ferrara – Museo Archeologico Nazionale Via XX Settembre 122
  • Programma:

    Saluto di benvenuto e introduzione alla giornata
    Paola Desantis – Museo Archeologico Nazionale di Ferrara
    Gianna Borghesani – Garden Club Ferrara
    Luciana Tufani – Centro Documentazione Donna

    Coordina Paola Roncarati

    Relazioni:
    Fede Berti e Letizia Lanza: “Il labirinto nell’antichità: Mito e Archeologia”
    Margherita Levorato: “Le molte vie del labirinto”
    Emanuela Briani: “I Théâtres de Papier”.
    Saranno in mostra alcune opere di Emanuela Briani, frutto della sua ricerca iconografica sui temi del ‘giardino’ e del ‘labirinto’ riletti filologicamente in forma di teatrini costruiti con materiale di recupero.

    Visita del labirinto di Palazzo Costabili

  • Orari: ore 16.00

Galleria civica di Modena

15 Aprile 2017 1 commento

In occasione delle festività di lunedì di Pasqua del 17 aprile, di martedì 25 aprile e di lunedì 1 maggio la Galleria Civica di Modena effettuerà un’apertura straordinaria con orario continuato dalle 10.30 alle 19.30 delle mostre che attualmente occupano la sala grande e quelle superiori di Palazzo Santa Margherita e della Palazzina dei Giardini.
Lunedì 24 aprile invece entrambe le sedi osserveranno il consueto orario di chiusura.

A Palazzo Santa Margherita si potrà visitare nella Sala grande la mostra Stefano Arienti. Antipolvere, che copre 25 anni di attività di uno dei più noti e riconosciuti artisti italiani a livello internazionale, approfondendo in particolare l’originalità del suo modo di intendere la pratica del disegno e del suo approccio nei confronti di stili, tecniche e modelli.Opere su carta e su supporti inconsueti come i grandi disegni realizzati su teli da cantiere, commissionati da istituzioni pubbliche, fondazioni private – ma anche aziende come Ermenegildo Zegna e Kartell – sono testimoni di un percorso di ricerca incessante in cui le immagini sono sottoposte a infiniti processi di studio e variazione: fotocopiate, ricalcate, tracciate con forature, intessute o disegnate in oro.

 

Le Sale superiori di Palazzo Santa Margherita ospitano invece la mostra Alfabeta 1979-1988. Prove d’artista nella collezione della Galleria Civica di Modena, dedicata alle 66 Prove d’artista realizzate da 49 autori per la storica rivista di informazione culturale “Alfabeta” tra il 1983 e il 1988. Il nucleo di opere su carta (composto da disegni, collage, grafiche e fotografie), tra i primi ad entrare a far parte della collezione della Galleria Civica di Modena sul finire degli anni Ottanta, in seguito alla chiusura del mensile, si presenta come un prezioso e raro spaccato di quello che è stato un fenomeno culturale importante, mosso dallo spirito della neoavanguardia.

 

Alla Palazzina dei Giardini è allestita la mostra personale L’immagine in movimento di Gianluigi Toccafondo. Nelle cinque sale dell’antico edificio estense saranno allestite circa 1000 opere che ripercorrono in particolare l’attività legata alla produzione di animazioni dell’artista sammarinese, dal 1989 al 2017. Il percorso di mostra, attraverso un flusso continuo di sequenze che partono dalle prime sperimentazioni fino agli ultimi disegni pensati per il Teatro dell’Opera di Roma e per il Bologna Jazz Festival, presenta diverse serie di disegni, la maggior parte dei quali utilizzati per la realizzazione di sequenze animate, cortometraggi, sigle per la televisione e il cinema, pubblicità e video-clip.

 

informazioni
Galleria civica di Modena, corso Canalgrande 103, Modena
Palazzina dei Giardini, corso Canalgrande, Modena
tel. +39 059 2032911/2032940 www.galleriacivicadimodena.it

Categorie:Feste e viaggi Tag:

Pasqua al MART

13 Aprile 2017 Commenti chiusi

APERTURE FESTIVE

domenica 16 aprile
 lunedì 17 aprile
Mart e Casa Depero | 10-18
Galleria Civica Trento | 10-13/14-18

MOSTRE IN CORSO

Mario Sironi
nella Collezione Allaria

Mart Rovereto
fino all’11 giugno 2017

Il Focus di approfondimento su Mario Sironi è l’occasione per presentare al pubblico le opere della Collezione di Antonio Allaria che, da inizio 2017, vanno ad ampliare il patrimonio del Mart. In mostra oltre settanta opere di uno dei maestri di Novecento italiano, tra dipinti e disegni, che dialogano con i lavori di altri artisti presenti nella collezione, come Renato Guttuso, Anton Zoran Muši? e Graham Vivian Sutherland.

Scopri di più sulla mostra

Grazia Toderi e Orhan Pamuk
Words and Stars

Mart Rovereto
fino al 2 luglio 2017

Il Mart presenta il lavoro a quattro mani di Grazia Toderi, tra le maggiori artiste internazionali, e di Orhan Pamuk, premio Nobel per la letteratura 2006. Oltre tre anni di conversazioni, incontri, corrispondenza hanno portato alla realizzazione di un progetto che ibrida i linguaggi. Un processo continuo, alla ricerca delle affinità esistenti tra la complessità delle domande metafisiche e la semplicità della gioia di guardar le stelle.

Scopri di più sulla mostra

La materia della forma
Collezione Panza di Biumo

Mart Rovereto
fino al 2 luglio 2017

Focus di approfondimento dedicato alla raccolta di uno tra i maggiori collezionisti del panorama internazionale: Giuseppe Panza di Biumo (1923-2010). Attraverso le opere di alcuni grandi artisti attivi negli ultimi decenni del Novecento, come Larry Bell, Lawrence Carroll, Roni Horn, Christiane Löhr, Ettore Spalletti, la mostra documenta l’interesse del collezionista per il ruolo della materia nei linguaggi contemporanei.

Le Collezioni
L’invenzione del moderno
L’irruzione del contemporaneo
Mart Rovereto

Con Le Collezioni, il Mart attraversa oltre un secolo di storia dell’arte italiana e internazionale. In un allestimento fortemente coerente con l’architettura di Mario Botta sono presentati i maggiori capolavori delle raccolte museali.

Performance
Corpo privato e corpo sociale

Casa d’Arte Futurista Depero
fino al 7 maggio 2017

In sintonia con l’allestimento permanente, la mostra mette in dialogo le azioni teatrali futuriste con la performance del secondo Novecento. A confronto tra loro, le opere appartenenti alle Collezioni del Mart e i materiali provenienti dall’Archivio del ’900 sviluppano un’indagine sul tema del corpo inteso come oggetto e soggetto, strumento e luogo di ricerca.

Scopri di più sulla mostra

Almanacco 70
Architettura e Astrazione

Galleria Civica Trento
fino al 14 maggio 2017

Attraverso i materiali d’archivio e gli scatti realizzati da Fernando Guerra, Almanacco 70 ripercorre la storia di alcuni degli edifici progettati a Trento da Marcello Armani, Luciano Perini e Giovanni Leo Salvotti de Bindis. Le architetture dialogano con le opere degli artisti Andreani, Bressan, Cappelletti, Cattani, Colorio, Gardumi, Gelmi, Mazzonelli, Perusini, Schmid e Senesi.

Scopri di più sulla mostra

Little Mart
Laboratori per le famiglie
a cura dell’Area educazione
Lunedì 17 aprile, ore 15, Mart
Costo: € 3 a bambino
Visite guidate
Lunedì 17 aprile, ore 15, visita alla mostra Mario Sironi nella Collezione Allaria
Costo: € 2, oltre il prezzo del biglietto d’ingresso
Agenda online
Il calendario di tutti gli appuntamenti è consultabile online

Informazioni turistiche
Trascorri il weekend di Pasqua e i ponti di primavera a Rovereto. Vacanze d’arte e proposte per famiglie su www.mart.tn.it/turismo e www.visitrovereto.it

MART ROVERETO

Corso Bettini 43, 38068
Rovereto (TN)
T 0464 438887
Numero verde 800 397760
info@mart.trento.it
Categorie:arte Tag:

Cispadana

9 Aprile 2017 1 commento

FERRARESI (M5S): SULLA CISPADANA SIAMO CON PALAZZI E CON IL CONSIGLIO COMUNALE DI FINALE EMILIA CHE HA ESPRESSO IL SUO “NO” ALL’AUTOSTRADA


Sul “no” all’autostrada Cispadana siamo con il Sindaco di Finale Emilia Sandro Palazzi e con quanto espresso dal consiglio comunale di Finale Emilia, siamo invece per sostenere una superstrada a scorrimento veloce, che è quella che stiamo attendendo da circa 50 anni e che non abbiamo mai avuto sul territorio modenese per colpa del Partito Democratico.

 

Fanno ridere le dichiarazioni del PD, come se 50 anni di ritardi sarebbero imputabili all’attuale sindaco Palazzi, reo di aver preso la posizione che doveva essere portata avanti da anni dal PD, ovvero quella di concludere l’arteria che collegava il ferrarese al modenese e che invece ha fallito, infatti solo il tratto di superstrada fino a Sant’Agostino è stato completato. Come ha ricordato in un recente confronto Patuzzi (Presidente ARC), se tornasse indietro non andrebbe nella direzione di un progetto autostradale, ma di una superstrada.

 

 

Un’altra balla del PD è che la superstrada non avrebbe collegamenti con l’Europa ed il mare, o che i soggetti disposti a finanziare una simile opera non ci sarebbero. Al momento nessun finanziatore si è fatto avanti per contribuire a all’autostrada, che rimarrà un tabù e rischierà di essere interamente pagata dalle tasche dei cittadini. Ma mentre la superstrada verrebbe a costare nella peggiore delle ipotesi 180/200 milioni, l’autostrada costerebbe quasi 2 miliardi complessivi, per non parlare dell’enorme impatto ambientale che avrebbe su un territorio già martoriato dall’inquinamento dell’aria e dalla cementificazione, con conseguente danno per l’agricoltura.

 

Confindustria e Unindustria devono capire che anche economicamente l’opera non si regge in piedi e servirà in gran parte come transito di altri, e quindi di fatto non aiuterà cosi come si vuol far pensare gli imprenditori della zona, a cui basta una superstrada a scorrimento veloce che possa collegarli meglio, ed è questa la direzione in cui si vuole andare.

 

Resta tutt’ora un mistero invece la posizione del Sindaco di Cento Fabrizio Toselli, oltre che a non aver mai risposto vigliaccamente al sottoscritto, si sta ponendo in modo irresponsabile e non sta tutelando la salute e la qualità della vita dei suoi cittadini a Roma il Sindaco sara prono ai soli interessi di chi questa autostrada la vuole costruire.
Di battaglia Toselli non ne farà come non ne ha mai fatte in tutti questi anni, puro fumo negli occhi che serve a far mostrare un finto impegno per rendere come dice lui “meno impattante” l’autostrada. Una pura fantasia di chi non sa di cosa sta parlando. Crede veramente che con osservazioni su galleria ed in parte trincea diminuirà l’impatto ambientale di questo progetto devastante? Crede veramente che i più grandi problemi per le future generazioni e cittadini saranno quelli elencati? La realtà è che non li sta tutelando, e per giunta senza uno straccio di motivazione. Invito quindi tutti i cittadini di Cento e frazioni, che hanno già risposto per l’invio di osservazioni contrarie all’autostrada, di inviare anche una diffida al Sindaco Toselli per le responsabilità che si sta prendendo con questa sua posizione.

 

 

Vittorio Ferraresi Deputato M5S

 

Categorie:Argomenti vari Tag:

Aumentano le tariffe a Finale

6 Aprile 2017 1 commento

La Giunta Palazzi ha varato un incremento generalizzato delle tariffe dei servizi scolastici che ha toccato il nido e i servizi integrativi per la prima infanzia, la scuola dell’infanzia e il trasporto scolastico. Nella sostanza pochissime famiglie, tra le tante che si servono dei servizi educativi e scolastici, non saranno interessate da tali aumenti.
“Le conseguenze concrete sui bilanci familiari sono pesanti – scrive Sinistra Civica per Finale Emilia – ad esempio, una famiglia con entrambi i genitori con lavoro dipendente, casa in affitto e un figlio al nido che si collocano in fascia ISEE tra i 20.000 e i 22.000 € (parliamo di una condizione economica non certo privilegiata e comune a molte famiglie) pagherebbe una retta mensile di 311 € (+16 €/mese) per un totale 144 € in più all’anno. Se poi questa famiglia, per motivi di lavoro, ha bisogno del post scuola al nido paga altri 200 € all’anno, con un incremento tariffario di 64 €. Stessa musica per il pre ingresso e il prolungamento orario alla scuola materna e per il trasporto scolastico, dove le famiglie sono chiamate a pagare aumenti medi del 25%”.

The post Finale Emilia, manovra sul bilancio. Aumentano le tariffe per nido e scuola appeared first on SulPanaro | News.

Categorie:scuola Tag: ,

Furti nei supermercati

6 Aprile 2017 1 commento

Ladri al Sigma di Medolla questa notte. L’allarme è scattato alle 2.55 della notte tra martedì e mercoledì, ma la pronta reazione di proprietà e dipendenti ha sventato il furto, che se fosse andato a segno sarebbe stato il terzo di seguito per questa catena, dopo i recenti casi a Bomporto e Camposanto.

L’allarme ha svegliato uno degli addetti che si è immediatamente recato al supermercato. Dove si è vista subito la scena ormai tipica con la manomissione dei sistemi di sicurezza, fili tagliati e sensori schiumati.

Ma l’arrivo di altre persone dell’azienda ha evidentemente fatto desistere i delinquenti, che con tutta probabilità erano gli stessi che hanno poi razziato la vicina ditta di biomedicale Eurosets, il cui allarme è scattato poco dopo.

I dipendenti sono rimasti di vedetta per tutto il resto della notte, 3-4 persone, ci spiegano dalla proprietà.

Indagano i Carabinieri

LEGGI ANCHE

FURTO AL CONAD DI CAVEZZO, INGENTE BOTTINO

COLPITO IL SIGMA DI BOMPORTO, RUBATI 40 MILA EURO 

I LADRI AL SIGMA DI CAMPOSANTO

RAZZIA ALLA CIV &CIV

The post Ladri al Sigma di Medolla, dipendenti di vedetta per tutta la notte appeared first on SulPanaro | News.

Categorie:Società Tag: ,

La svolta della Bolognina

3 Aprile 2017 Commenti chiusi

La trovate ampiamente trattata su Wikipedia:

https://it.wikipedia.org/wiki/Svolta_della_Bolognina

e potrete parlarne anche a Ferrara,  presso la biblioteca Ariostea, in via Scienze 17

Incontro con l’autore Lunedì 10 aprile 2017 ore 17

Pensieri di un ottuagenario. Alla ricerca della libertà nell’uomo

Presentazione del libro di Achille Occhetto

(Sellerio Editore, 2016)
Dialoga con l’autore Fiorenzo Baratelli
Il libro di Achille Occhetto è un libro importante. La questione centrale attorno a cui ruota il testo è la necessità per  la politica di ricostruire legami forti con gli esiti più innovativi dell’indagine intellettuale. Sullo sfondo, infatti, campeggia la coscienza che una qualche connessione fra politica e cultura si sia perduta e dissipata.  Il libro è concepito come un giornale di bordo che registra una complicata navigazione attraverso i differenti territori dei saperi  a partire da quelli scientifici e filosofici. Il tema dominante è il rapporto fra necessità e libertà. Con spirito di  verità e passione vengono proposti problemi e dilemmi che sono all’ordine del giorno nella faticosa ricerca di una idea della politica al servizio del bene pubblico. Forzando il dogma asfissiante di questo tempo, quello della ‘dittatura del presente’, si compie un viaggio largo e rigoroso alla riscoperta dei classici. Si tratta di un vero e proprio esercizio tenace di pensiero critico. E la vocazione e la passione per la politica è il motore di questo affascinante viaggio. Insomma c’è materia per un fecondo dialogo con l’autore.
Per il ciclo “Libertà” a cura di Istituto Gramsci di Ferrara e Istituto di Storia Contemporanea di Ferrara