Archivio

Post Taggati ‘bondeno’

Discesa a remi Mantova-Ferrara

2 Settembre 2017 Commenti chiusi

Bondeno sarà tappa ufficiale nel terzo giorno della 1° Discesa a Remi da Mantova a Ferrara (1-3 Settembre 2017)
Si tratta di un evento che si svolge in più tappe, dall’ 1 al 3 settembre, dai Laghi di Mantova, dal Mincio al fiume Po, fino alla Darsena di Ferrara. Un percorso che si sviluppa su una lunghezza di circa 100 chilometri con l’obiettivo di far conoscere il territorio del Po attraverso le vie d’acqua e di terra – argini e golene – con escursioni nei centri storici e accoglienza nei paesi, con momenti conviviali e istituzionali.
Un importante ruolo verrà svolto anche dal Comune di Bondeno, tappa ufficiale nel terzo giorno di vogata, come conferma l’assessore Simone Saletti: “È un evento che valorizza un itinerario splendido tra i territori delle province mantovane e ferraresi, offrendo uno scorcio unico delle eccellenze naturalistiche che il Grande Fiume sa offrire a chi decide di trascorrere un po’ di tempo tra la sua natura. È la prima edizione di un’iniziativa che si ripeterà anche nei prossimi anni e che si propone di diventare un’importante vetrina per le realtà toccate dal percorso”. Il Comune di Bondeno, oltre a figurare tra gli enti patrocinanti, insieme al Canoa Club e alla Pro Loco di Bondeno offrirà ai partecipanti che giungeranno attorno alle 10.30 di domenica 3 settembre presso il triangolo di Salvatonica, una colazione a base di prodotti locali, nello specifico frutta e biscotti della tradizione matildea.

Il via, con la prima tappa che si sviluppa su un percorso di 35 chilometri, è fissato il 1° settembre alle ore 9.30 da Campo Canoa a Mantova, sul Lago Inferiore. Dopo la cerimonia di inaugurazione i canoisti partiranno in direzione Mirasole, dove alle 13.30
si fermeranno per il pranzo. Si proseguirà per Revere, con arrivo previsto alla Canottieri alle ore 17.00. In serata i canoisti saranno ospiti a Ostiglia per la cena in piazza (organizzata da Comune e Pro Loco) e torneranno a Revere per il pernottamento e la partenza del giorno successivo.
La seconda tappa, il 2 settembre, prevede un percorso di circa 30 chilometri con partenza dalla Canottieri di Revere alle ore 9.00 e arrivo a Carbonara di Po alle ore
11.00, con sosta sulla spiaggia e merenda organizzata dalla Nautica di Sermide.
Alle ore 14.00 arrivo alla Canottieri di Felonica per il pranzo organizzato in collaborazione con il Comune e Pro Loco di Sermide-Felonica. Nel pomeriggio, canoisti e accompagnatori potranno visistare il Museo della 2° Guerra Mondiale (località Felonica) e l’Idrovora (Moglia di Sermide-Felonica). Il 3 settembre, terza e ultima tappa, di 35 km circa: partenza da Sermide-Felonica alle ore 9.00 e arrivo alla Darsena di Ferrara alle 16.30, con precedenti soste a Bondeno (ore 10.30) e Pontelagoscuro (ore 14.00). E’ previsto un bus navetta per trasferire i partecipanti alle varie fasi della discesa. Per gli accompagnatori (che potranno usufruire di biciclette a noleggio gratuito messe
a disposizione dal Consorzio Oltrepò Mantovano) è previsto un programma parallelo suddiviso in pacchetti giornalieri che permettono di visitare il territorio il mattino e poi
proseguire con i canoisti il pomeriggio, incrociando più volte la discesa a remi. Il programma: primo giorno (1 settembre), visita alla città di Mantova con pranzo in
un ristorante con menù di prodotti tipici. Dalle 17.00, visita all’isola Boschina di Ostiglia con le guide del WWF Mantovano. A Ostiglia si proseguirà con la cena in piazza Matteotti alle ore 21.00, con intrattenimento musicale di Marco e Antonella, e la visita guidata in notturna alle Torri Medievali. Il 2 settembre è prevista la visita a Palazzo Ducale di Revere, il pranzo in località Felonica insieme ai canoisti, la visita al Museo della 2° Guerra Mondiale (località Felonica) e dell’Idrovora di Moglia di Sermide-Felonica, cena e intrattenimento in località Sermide. Il 3 settembre visita alla città di Ferrara, pranzo in ristorante e attesa dell’arrivo dei canoisti.
Durante le tre giornate della Discesa a Remi saranno presenti Trazzi Alessandra, fotografa professionista e lo scrittore mantovano Davide Bregola che realizzerà un
reportage giorno per giorno dell’evento.
Leonardo Rosa in http://www.comune.bondeno.fe.it/1809-discesa-a-remi-mantova-ferrara

Categorie:manifestazioni Tag:

Eire, suoni di Irlanda

19 Agosto 2017 Commenti chiusi

Pubblicato il programma ufficiale dei concerti della nuova edizione di Eire! la festa dei suoni d’Irlanda a Bondeno

Dal 25 al 27 agosto la cittadina ferrarese ospiterà la nuova edizione di quello ormai considerato come uno dei festival più importanti a livello mondiale per quel che riguarda la musica tradizionale irlandese. Sul palco quest’anno alcune leggende dell’irish trad come Frankie Gavin e gli Usher Island di Michael Mc Goldrick e Donal Lunny

Si preannuncia un’altra edizione “col botto” quella di Eire! La Festa dei suoni d’irlanda, il festival dedicato alla musica e alla danza tradizionale irlandese che ormai come ogni anno si tiene a Bondeno in provincia di Ferrara. Un’edizione attesissima sia per i numeri con oltre 300 musicisti che dal 25 al 27 agosto faranno della cittadina ferrarese ancora una volta la capitale della musica irlandese nel mondo, quanto per i grandi nomi in cartellone.
Quella del 2017 sarà un’altra edizione di Eire! dedicata alle leggende della musica irlandese, come già fu in passato con il concerto dei Dubliners. Quest’anno sul palco di Piazza Garibaldi il 26 agosto ci saranno gli Usher Island, la nuova band di Michael Mc Goldrick, Donal Lunny, Andy Irvine (Ex Planxty), John Doyle e Paddy Glackin. Altro mostro sacro della musica irlandese che quest’anno sarà presente a Bondeno Frankie Gavin, violinista della storica band De Dànnan, che si esibirà insieme al flautista italiano Tommaso Tornielli e a Sean McElwain il 26 agosto.

Ma gli ospiti del festival sono moltissimi ed i concerti e gli eventi si susseguiranno senza sosta per tutti i tre giorni. Tra gli altri grandi ospiti dall’Irlanda i Breaking Trad con Donal e Niall Murphy e Mike Galvin che suoneranno in concerto il 25 agosto. Sul palco di Eire ci saranno anche molte band italiane di non meno valore, come i Magàirlin, i Seàclaid, i locali Les Irlandiis, gli Hidden Note ed i romani That’s All Folk! che presenteranno il nuovo cd “Waiting for Kathy”.
A proposito di presentazioni di dischi, anche quest’anno è prevista una ricca anteprima del festival, il 24 agosto con il concerto di inaugurazione di Jack Talty, leggenda della concertina, che in piazza Garibaldi alle ore 20 presenterà il suo nuovo disco “In Flow”. Per l’occasione la direzione di Eire! ha organizzato una cena speciale di raccolta fondi per sostenere le attività del festival.

Come ogni anno gli eventi del Festival non si limiteranno ai soli concerti. Più di 30 session con oltre 300 musicisti partecipanti da tutto il mondo invaderanno i locali e i ristoranti di Bondeno, facendo di Eire! uno degli appuntamenti più importanti a livello mondiale per quel che riguarda la musica irlandese. Inoltre tantissimo sarà lo spazio dedicato alla danza tradizionale irlandese, con Cèili (feste da ballo) che si terranno ogni sera e al balfolk, con il doppio appuntamento in Piazza Garibaldi il 26 e il 27 agosto di Accordzeàm e con il concerto del duo Lipparini–Calanca in Piazza Costa il 25 agosto.
Tutti i concerti, le session e le feste da ballo di Eire! sono ad ingresso gratuito.

Terremoto di ferragosto

14 Agosto 2017 Commenti chiusi

Un terremoto di magnitudo ML 2.3 è avvenuto nella zona: 6 km SW Bondeno (FE), il

  • 14-08-2017 00:06:36 (UTC) 8 ore, 19 minuti fa
  • 14-08-2017 02:06:36 (UTC +02:00) ora italiana

con coordinate geografiche (lat, lon) 44.86, 11.36 ad una profondità di 2 km.

Il terremoto è stato localizzato da: Sala Sismica INGV-Roma.

Categorie:ambiente Tag:

Senza parole

27 Giugno 2017 Commenti chiusi
Categorie:convegni Tag: ,

Radio Bondeno

8 Giugno 2017 Commenti chiusi

Ormai ci stiamo dedicando al passato (forse per dimenticare il presente), così mi sono ricordato che nel 1975, dopo la liberalizzazione delle frequenze, anche a Bondeno sorse una radio libera in via Carmine e l’ho pubblicata su FB chiedendo se qualcuno se ne ricordava.

Così ho appreso che: Lo studiolo di Radio Bondeno era proprio dentro la porta verde, sotto il ponticello che si vede nella foto.
Prima della sede dell’emittente c’era un piccolo magazzino, succursale della ditta “Termobondenese”, rivendita di articoli per idraulica (poi di mobili) di proprietà del signor Giuseppe Chiodi.
Prima dell’insediamento della “Termobondenese” (alla fine degli anni sessanta) l’edificio, già convento, poi opificio e successivamnete sede dell’ex mulino “Premarini”, era completamente vuoto ed in disuso.

Marco Dondi è risalito ancora più indietro, ricordando che l’opificio in questione (caratterizzato da un’altissima ciminiera) era una fabbrica di nevole il cui titolare si chiamava Giuseppe Amodelli, e che chiuse l’attività verso le metà degli anni 10, il mulino già presente nella seconda metà dell’800 era gestito dalla famiglia Vincenzi, poi nel primo dopoguerra fu acquistato da Alicandro Fabbri di Guattarella che poi lo cedette a Premarini … il Fabbri insieme ai figli si dedicò alla fonderia e officina di via Cavallotti (F.lli Fabbri)

Infine una foto di Gabriele Gatti ritrae una festa della radio nel 1977

Categorie:storia Tag:

Gente di Bondeno

1 Giugno 2017 Commenti chiusi

Marchetti Osvaldo, 1886

Nato a Bondeno, zona di Ospitale, completate le scuole elementari, si è fatto adulto frequentando le corti dell’azienda di Gaetano Sani, comprendente terreni e case coloniche nelle aree di Ospitale e Settepolesini ed inoltre in quelle di Burana e Pilastri, suddivise, dopo la morte del titolare, fra i figli Ivo, detto Nando e Achille. Legato alla campagna, nei cui ambito era cresciuto, ha assunto il ruolo di controllore cioè di “Caporale” e, dopo alcune stagioni, quella di “Fattore”. Il nuovo incarico l’ha impegnato in maniera quasi totale, ma il dinamico fattore, i cui figli Egizio e Bruno, completata la scuola, avevano frattanto intrapreso il lavoro di falegnami anch’essi presso l’azienda Sani, desiderava qualcosa di diverso dal lavoro dipendente ed allora, non senza fatica e coraggio, dopo aver convinto, non senza difficoltà, il fratello Nando, ha acquistato un’ampia area scoperta situata a Bondeno capoiuogo, zona sud orientale del Santissimo, in quei tempi
completamente scoperta. Si è trattato di un acquisto molto impegnativo, pagato con una montagna di cambiali, aumentate di numero dopo la stipulazione, perché liquidato il fratello Nando che ha deciso di non proseguire quell’esperienza, su quel suolo,
l’ex fattore ha costruito un ampio magazzino per il commercio all’ingrosso ed al dettaglio di legname ed una falegnameria per i figli Egizio e Bruno nella quale è stata avviata la produzione di cassette in legno con la collaborazione di quaranta operaie. Ma la nascita dello zuccherificio, seguita dalla costruzione del Palazzo Schiaffino e della numerose case che la Società Saccarifera Genovese ha eretto nelle Vie Bonati e dei Mille e nella Piazza A. Moro (in quei tempi Piazza del Popolo), la costruzione della S.A.T.P.A.A. in Via F.lli Borselli per la lavorazione del pomodoro, il completamento dei lavori della Bonifica di Burana in esecuzione delle leggi sulla “Bonifica Integrale” e dei progetti elaborati dal nuovo direttore tecnico del consorzio Ingegner Alberto Baroni, di quegli anni, hanno dato a Bondeno un impulso straordinario concretizzatosi con la costruzione di decine di case coloniche e padronali. Ciò ha fatto sì che la neonata ditta Marchetti Osvaldo benefìciasse di quel benessere tanto da dover affiancare ai figli Egizio e Bruno, altri collaboratori impiegati nel commercio e nella costruzione di attrezzi agricoli, infissi di ogni tipo ed anche di mobili. La falegnameria Marchetti, guidata dall’intraprendente fondatore è diventata il centro di vendita di legname più importante del paese ed anche il luogo di apprendimento della professione di falegname per tanti bondenesi, alcuni dei quali hanno poi avviato la stessa attività in maniera autonoma.
Superati gli anni della Seconda Guerra Mondiale, Osvaldo che da tempo si era stabilito in una casa appartenente ai F.lli Banzi situata nel rione Santissimo, ha fatto costruire per sè ed i suoi figli, in Via Pironi, una grande casa comprendente  abitazioni e negozi per la quale, manifestando il suo attaccamento al territorio, ha preteso che il modulo delle finestre fosse quello ferrarese e non quello che la moda andava allora affermando. Ma con l’arrivo del 1953, il dinamico ex fattore dei Sani che aveva raggiunto 67 anni è prematuramente scomparso, lasciando ai figli un complesso enorme, divenuto di non facile gestione in assenza di chi l’aveva realizzato e guidato.

Edmo Mori

Categorie:storia Tag:

Conferenza di astronomia

26 Maggio 2017 Commenti chiusi
Categorie:astronomia Tag:

Aprile Capuzziano

2 Aprile 2017 Commenti chiusi

È ormai alle porte “Aprile Capuzziano”, la rassegna di concerti in omaggio al celebre pittore del ‘900 Mario Capuzzo, un artista che amava in modo particolare la musica.
Il calendario del 2017 prevede 5 date, dal 2 al 23 aprile, dedicate alla musica sinfonica e organistica, presso la Sala 2000 di Bondeno, impreziosita dalle opere che la vedova del pittore ha donato alla comunità bondenese.
Si inaugurerà questa domenica alle ore 15.30, con l’orchestra Caffè Concerto Strauss diretta dal maestro Christian Pintilie. Fondato nel 1988, il Caffè Concerto Strauss è un gruppo orchestrale di solisti che propone repertori sia cameristici, sia di “intrattenimento”, attraverso esecuzioni virtuosistiche, secondo i moduli stilistici e interpretativi della tradizione mitteleuropea delle kaffe-hausen.

Categorie:Musica Tag:

Industriali di Bondeno

6 Febbraio 2017 Commenti chiusi
Categorie:economia Tag:

Corsi di arti orientali

17 Gennaio 2017 1 commento
Categorie:Corsi Tag: